Italo e Coronavirus: informazioni per i passeggeri riguardo l’emergenza sanitaria

Italo e Coronavirus: informazioni per i passeggeri riguardo l’emergenza sanitaria
Booking.com

Ormai dopo due mesi di quarantena è chiaro: viaggiare col treno non sarà più la stessa cosa. Sono stati, infatti, apportati grandi cambiamenti in merito a causa del Coronavirus. Italo non è stata da meno, trovandosi costretta a rimodulare l’offerta.

La compagnia Italo, in seguito ai provvedimenti per il Coronavirus, ha chiuso le Lounge “Italo Club”, e sospeso i servizi di catering a bordo del treno.

Booking.com

La compagnia, ad ogni modo, si è attivata immediatamente, già fin dall’inizio della pandemia, ad effettuare opere di pulizia e sanitizzazione dei propri treni, oltre che a dotare il proprio personale di dispositivi di protezione.

Italo e Coronavirus: informazioni per chi viaggia

Si ricorda che fino al 3 giugno è possibile viaggiare in treno per uscire dalla regione di residenza solo per motivi di estrema necessità, o di lavoro. Questi spostamenti devono giustamente essere motivati e comprovati.

La compagnia si impegna a misurare la temperatura dei passeggeri, allontanando coloro che hanno una temperatura superiore ai 37.5°C, o che presentano sintomi influenzali gravi.

La compagnia garantisce le distanze di sicurezza tra i viaggiatori, limitando il numero di passeggeri.

Si prega la gentile clientela di munirsi di guanti monouso e di mascherine prima di salite a bordo, e di astenersi dal viaggio se si manifestano sintomi influenzali. Si prega inoltre i passeggeri di impegnarsi nel rispetto delle norme anti-contagio, e di mantenere le distanze di sicurezza dagli operatori oltre che dagli altri passeggeri.

È ovvio che non è consentito l’accesso alla stazione, oltre che ai treni, a chi dovesse avere febbre, oppure sia sottoposto a misure di quarantena per positività, oppure per contatto diretto con qualcuno che è risultato positivo.

Non bisogna inoltre lasciare incustoditi i propri effetti personali, e le mascherine e/o i guanti monouso non vanno lasciati sul treno nemmeno all’interno dei cestini.

Infine, la compagnia assicura che il personale addetto si impegnerà a far rispettare le norme anti-contagio, oltre che a pulire e sanitizzare i treni al termine di ogni corsa.

Italo: rimborsi di biglietti da e per zone ad alto rischio

Italo desidera il meglio per i propri clienti, ed è disposta a rimborsare i biglietti acquistati entro il 2 marzo da utilizzare entro il 13 giugno con meta o partenza dalle zone ad alo rischio di contagio. Queste zone sono Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Per tutte le altre zone, invece, sono rimborsabili tutti i biglietti acquistati entro il 9 marzo.

Per ottenere un rimborso bisogna fare richiesta direttamente sul sito web della compagnia, accedendo al form “Reclami”, e di conseguenza selezionare la categoria “Rimborso per emergenza sanitaria 2020”. La compagnia risponderà nel più breve tempo possibile, cercando di venire incontro alle esigenze del cliente.

Booking.com

Arianna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *