Interrail Global Pass: viaggiare in Europa in treno

Interrail Global Pass: viaggiare in Europa in treno

C’è stato un tempo, tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta del secolo scorso, in cui i giovani viaggiavano tantissimo e viaggiavano per conoscere e provare nuove esperienze. Anche per questo motivo ci si spostava quasi solo via terra, addirittura in autostop oppure in treno. Due generazioni di esploratori curiosi hanno percorso l’Europa in lungo e in largo, in cerca di arte, natura, divertimento, trasgressione prima che l’aereo tagliasse i ponti con il reale … in ogni senso.

Le giovani generazioni, oggi, sembrano essere tornate alla passione dei loro genitori. Nonostante la concorrenza dei voli a prezzi stracciati, preferiscono muoversi via terra, ammirare paesaggi, scendere a qualche fermata per scoprire luoghi inaspettati. Il treno torna ad essere il mezzo preferito, e l’Unione Europea ha colto la palla al balzo. Non sono poche le agevolazioni per i viaggi in treno diretti ai più giovani, non mancano sconti e iniziative brillanti e interessanti per invogliare gli under 30 a saltare sul predellino e affrontare nuove avventure. Interrail è una di queste iniziative. Vediamo come funziona e perché conviene.

Interrail ieri e oggi

Il sogno Interrail nasce nel lontano 1972, in piena era hippie e con il miraggio di una grande comunità europea ancora in divenire. I confini del dopoguerra tagliavano allora il continente in due sezioni e dunque i primi esperimenti di questo viaggio internazionale su rotaie si svolsero esclusivamente nell’Europa occidentale. Bisognava avere meno di 21 anni per poter godere del servizio e dei vantaggi, ma col tempo tante cose sono cambiate.

L’età venne innalzata a 23 e nel 1979 a 26 anni, venne aggiunto l’obbligo di cittadinanza entro certi limiti in un Paese per l’utilizzo e con la caduta del regime sovietico, dal 1989 in poi, si cominciarono ad aggiungere nuove nazioni all’originario itinerario di 20 Paesi. Nel 2007 si era esteso il servizio Interrail ai soggetti di 30 anni e, con aggiunta di tariffe extra, anche agli “anziani” e il percorso era stato suddiviso in otto zone geografiche.

In tempi più recenti, la divisione in zone è decaduta e si è aggiunta la opzione navigazione, per attraversare spazi d’acqua, e l’uso del biglietto Interrail anche sul proprio territorio nazionale. I minori di 12 anni non pagano il viaggio. Per muoversi con Interrail si pagano due forme di biglietto: One Country Pass, valido per la visita di un solo Paese con permanenza fino a 30 giorni, oppure il più elastico e variegato Global Pass.

Cosa è il Global Pass e come si prenota

Interrail Global Pass è un biglietto che consente di attraversare circa 31 confini e 40.000 località, per motivi di vacanza o di studio. Pensato per una Europa giovane e libera, unita nel vero senso della parola, dà la possibilità ai ragazzi che lo usano di entrare e girare – per un periodo che va da minimo 10 giorni a un mese – i seguenti Paesi: Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Repubblica di Macedonia, Montenegro, Paesi Bassi, Norvergia, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Svezia, Turchia, Regno Unito.

Si può usare con restrizioni -dovute al controllo delle ferrovie locali- anche nel Principato di Monaco e in Liechtenstein. In certi Paesi, pur essendo libero il passaggio, le ferrovie e le stazioni non esistono o sono troppo lontane (pensiamo al Vaticano, a San Marino, ad Andorra o Cipro). Usarlo è facilissimo e ottenerlo ancora di più.

Basta andare sul sito interrail.eu e cliccare sulla sezione Pass. Qui potrete già consultare molti itinerari e decidere le località e le tariffe. I vostri dubbi su come e dove si prenota il treno per il viaggio vengono risolti passo passo grazie alla pagina  Prenotazioni (https://www.interrail.eu/it/pianifica-il-viaggio/prenotazioni  ). Dopo di che pagherete il vostro Global Pass e aspetterete che vi arrivi a casa l’apposito kit.

Il pacco che riceverete per raccomandata conterrà, tra le altre cose, anche il Diario di Viaggio e il biglietto vero e proprio. Il Diario di Viaggio è importante perché deve riportare fedelmente le destinazioni che vorrete toccare con il vostro itinerario. I controllori leggeranno e si accerteranno  che siano toccate tutte e vanno mostrate sempre insieme al biglietto. Per ulteriori informazioni sul Global Pass, la pagina di riferimento è https://www.interrail.eu/it/pass-interrail/cose-interrail/come-utilizzare-linterrail-pass .

Consigli utili per usare il Global Pass

Il Global Pass vi consente di scegliere diverse modalità di utilizzo. Per esempio, cinque giorni in un periodo di quindici, dieci giorni in un periodo di un mese e così via. Potete anche utilizzarlo per tutto il tempo massimo previsto. Ma dato che è un biglietto che offre molti vantaggi, il modo migliore per sfruttarlo è … con criterio.

Per sicurezza, scaricate sempre la app di Interrail sul cellulare e contemporaneamente tenete ben presenti anche i maggiori aeroporti e i voli da usare solo in caso di emergenza (ad esempio, un rientro anticipato). Fate un po’ di conti con i soldi che potete spendere e quelli che portate con voi, e magari usate il Global Pass soltanto per le distanze maggiori e più costose, affidandovi ai mezzi locali come bus o taxi per spostarvi nei dintorni. Non dimenticate di controllare la flessibilità del vostro percorso, anche per questo la compilazione del Diario di Viaggio è fondamentale.

Perché preferire Global Pass a One Country

Entrambi i modelli di pass dell’Interrail sono interessanti e validi per chi vuole viaggiare per conoscere. Ma Global Pass, come dice la parola stessa, vi consente di spostarvi oltre i confini, di toccare più località in pochi giorni, di scendere a diverse fermate. One Country potrebbe essere “un buon inizio” se siete insicuri e poco pratici, però Global Pass è il passaporto per il divertimento assicurato ed è l’occasione per fare un’esperienza all’estero a poco prezzo, in modo sicuro e senza sentirvi mai da soli. L’Europa è grande e bellissima, conoscerla il più possibile è sicuramente meglio che conoscerla poco per volta. Regalatevi un viaggio che difficilmente potrete dimenticare e che vi farà crescere, in tutti i sensi, nel miglior modo possibile.

Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *