Cosa vedere in Brasile: le migliori destinazioni

Sogni da tempo un viaggio esotico in Brasile? Stai pensando di organizzare una vacanza in Sudamerica ma non sai dove andare? Vorresti scoprire il Brasile ma vuoi conoscere quali sono le migliori destinazioni? Se hai voglia di trascorrere qualche giorno nel paese del calcio, della samba e dell’allegria in questo articolo ti mostrerò i posti più suggestivi da visitare assolutamente in Brasile, le mete turistiche più gettonate dal nord a sud.

Tuttavia devi considerare che il Brasile è un paese enorme, quindi a meno che tu non sia disposto a spostarti in aereo dovrai concentrarti su una regione particolare, in quanto le distanze sono veramente notevoli da uno Stato ad un altro. Allo stesso tempo qualsiasi parte del Brasile ha il suo fascino, quindi potrai trovare quello che stavi cercando sia recandoti nella festosa Bahia, per visitare ad esempio Salvador e Trancoso, sia nella capitale della movida carioca, Rio de Janeiro.

Allora sei pronto? Mettiti pure comodo e iniziamo questo viaggio alla scoperta del Brasile!

Cosa fare a Rio de Janeiro

La prima destinazione in Brasile che voglio citare è proprio Rio de Janeiro, situata nel sud-est del paese e una delle principali città di arrivo per i voli intercontinentali, tra cui i collegamenti operati da Alitalia. Rio è una città unica nel suo genere, diventata famosa negli anni ’80 e ’90 per la bella vita, le spiagge simbolo del relax e l’atmosfera unica della vita notturna carioca, come vengono chiamati gli abitanti del posto.

Sicuramente tra i punti più gettonati e turistici della città ci sono le spiagge di Copacabana, Ipanema e Leblon, sempre molto affollate di turisti e brasiliani, con il tipico sfondo degli hotel a formare questa inconfondibile cornice. Oltre alla vita da spiaggia sono presenti luoghi simbolo di Rio de Janeiro, tra cui il Pan di Zucchero, due rocce che si raggiungono con una funicolare per godere di una delle viste più spettacolari della città, e il Cristo Redentore, la statua in stile Liberty donata dai francesi e raggiungibile con una scalata in trenino o a piedi.

Altrettanto rinomati sono i quartieri storici di Rio, come Santa Teresa dove trovare ristoranti e musica dal vivo, la Lapa ideale per la vita e il divertimento notturno, Botafogo con i suoi mille bar per gustare una vera cerveja brasiliana e il centro, dove sono situati i musei più importanti della città carioca. Da non perdere una visita al bellissimo Giardino Botanico, fermandosi a pranzo nello spettacolare scenario di Parque Lage, oppure un’escursione all’interno del meraviglioso Parque de Tijuca, ciò che rimane della foresta che occupava questo territorio anni fa.

Cosa visitare a Salvador de Bahia

A nord di Rio, a circa 2 ore di volo, si trova la famosa località turistica di Salvador de Bahia, una delle più conosciute dai turisti, che affollano le sue meravigliose spiagge ogni mese dell’anno, grazie a un clima particolarmente generoso e caldo in ogni stagione. Da vedere il centro storico, con la zona del Pelourinho per ammirare lo stile coloniale della vecchia Salvador, oppure una visita alla vicina isola di Morro de Sao Paolo, distante circa due ore e raggiungibile soltanto in barca.

Salvador è la meta ideale per chi vuole rilassarsi in spiaggia, assaporare la cucina tipica bahiana, con squisiti piatti a base di pesce fresco, per terminare la sera con balli sfrenati fino a tarda notte, in un ambiente sempre pronto per la festa. Da provare il ballo tipico della Bahia, il forrò, una danza movimentata che permette di vivere appieno l’atmosfera della prima capitale del Brasile coloniale. Per chi è disposto a fare un piccolo viaggio in pullman consigliamo qualche giorno a Trancoso e Porto Seguro, due splendide località di mare a qualche ora di distanza da Salvador.

Cosa vedere a Natal

Natal è una delle destinazioni in Brasile meno note ma più affascinanti, ideale per chi vuole rilassarsi in spiaggia, ma anche per chi desidera fare escursioni, visitare i parchi protetti della zona e divertirsi la notte fino alle prime luci dell’alba. Si tratta di una città complessa, situata nel nord-est del Brasile tra Salvador de Bahia e Fortaleza, dotata di uno scalo internazionale dove operano compagnie come la brasiliana Latam e la portoghese Tap Portugal.

Per il mare esiste la spiaggia cittadina di Ponta Negra, ben servita da ristoranti, chioschi e strutture attrezzate, mentre basta muoversi di pochi chilometri per scoprire delle vere e proprie spiagge naturali, tra cui la suggestiva spiaggia di Pipa, dove si possono avvistare delfini e fare surf. Da provare le escursioni in dune-buggy, che prendono i turisti direttamente in hotel e li portano tutto il giorno in giro, tra corse spericolate sulle dune di sabbia e soste in alcune spiagge tranquille e poco battute dal turismo di massa.

Cosa vedere nel Parco Nazionale Lençois Maranhenses

Localizzato a poca distanza da Fortaleza, altra meta turistica molto rinomata del Brasile, il Parco Nazionale di Lençois Maranhenses è una vera e propria bellezza naturale, una zona protetta composta da dune di sabbia, oasi e regioni di straordinaria bellezza paesaggistica, il tutto a due passi dalle spiagge paradisiache della costa nord-est del Brasile. Gli scenari qui sono incredibili, con le dune di sabbia che formano colline e i resti delle precipitazioni estive che creano fiumi e laghi tra la sabbia.

Da provare assolutamente una gita in dune-buggy, le macchine a quattro ruote motrici che percorrono a tutto gas le dune di sabbia, per regalare un’emozione unica ai turisti in visita. Naturalmente il modo migliore per raggiungere la zona è partendo da Fortaleza, fermandosi qualche giorno in città prima di proseguire in pullman alla volta del Parco Nazionale di Lençois Maranhenses.

Dove andare in Brasile: Amazzonia, Manaus e Belém

Chi preferisce la natura alla spiaggia può optare per l’Amazzonia, una sterminata regione che occupa diversi Stati del Brasile, che ha come capitale l’eclettica città di Manaus, un luogo in tipico stile coloniale ma allo stesso tempo un posto piuttosto cosmopolita. L’Amazzonia non è una destinazione per tutti, infatti è necessario vaccinarsi contro la dengue e la febbre gialla, unirsi a dei gruppi organizzati, proteggersi contro le punture delle zanzare e difendersi dal clima umido e afoso.

Tuttavia la bellezza della natura amazzonica è in grado di ripagare ogni sforzo e difficoltà, con i suoi fiumi incontaminati, gli esemplari unici di scimmie e volatili dai mille colori, le tribù locali che preservano le loro antiche tradizioni e gli scenari mozzafiato all’alba e al tramonto. Da visitare le bellissime Cascate di Iguazù, la capitale dell’Amazzonia Manaus, mentre i più temerari possono fare un viaggio in battello lungo il Rio delle Amazzoni, arrivando da Manaus fino alla città nordestina di Belém.

Cosa visitare in Brasile: Fernando de Noronha

Quest’isola rappresenta un esempio di esclusività in Brasile, trattandosi della destinazione più cara e rinomata del Paese sudamericano. Si trova a largo di Recife, la città famosa per le canzoni del noto cantante Alceu Valença, ed è raggiungibile soltanto in barca o in aereo. Fernando de Noronha fa parte di una zona marina protetta, per questo motivo sono previste restrizioni sul numero di ospiti che l’isola può accettare, dunque bisogna prenotare l’hotel con largo anticipo, specie a luglio e gennaio, i periodi di alta stagione in Brasile.

Visitare l’isola richiede un budget elevato, infatti si possono trovare resort, hotel di lusso e tutti i servizi sono in generale parecchio costosi. Allo stesso tempo si tratta di un paradiso naturale, una delle destinazioni più belle e affascinanti del Brasile, dove fare immersioni e ammirare diversi esemplari di tartarughe, partecipare alle gite in barca nelle grotte della zona, oppure fare camminate a piedi per avvistare uccelli incredibili e altri animali esotici. Ovviamente non mancano le spiagge tropicali, dove rilassarsi e godersi un po’ di meritato riposo.

Migliori posti in Brasile: Florianopolis

Nonostante sia poco conosciuta, la città costiera di Florianopolis è uno dei posti da vedere durante una vacanza in Brasile, magari non la prima volta per scoprire luoghi più caratteristici come Rio, Salvador e Fortaleza, ma sicuramente la seconda volta deve far parte del viaggio. Si trova nel sud del Brasile, tra San Paolo e Porto Alegre, ed è considerata una della città più moderne ed europee del paese, con un elevato tenore di vita e pochissima criminalità.

Il suo territorio è praticamente un’isola, anche e Florianopolis sia unita alla terraferma da diversi corridoi. Per questo motivo l’attrazione principale sono le bellissime spiagge della zona, tra cui Praia do Forte con ristoranti e strutture attrezzate, Jureré per chi desidera rilassarsi in uno dei tanti bar della spiaggia, Ponta das Canas per un po’ di tranquillità e Lagoinha per le famiglie. A sud di Florianopolis si trovano invece le spiagge di Campeche e Armaçao, per gli amanti del surf e degli sport acquatici.

Cosa vedere in Brasile ad agosto e settembre

In Brasile le stagioni sono invertite, quindi quando in Italia è estate in Brasile è inverno e viceversa. Allo stesso tempo si tratta di un paese enorme, quindi bisogna sempre considerare la regione che si vuole visitare. Ad agosto e settembre non conviene andare a sud ma neanche nella zona sud-est, poiché si rischia di trovare temperature intorno ai 10-15 gradi che non rendono possibile passare le giornate in spiaggia.

In questo periodo è meglio evitare Rio, a meno che non si voglia conoscere la città, mentre è preferibile visitare il nord-est, dunque luoghi come Salvador de Bahia, Recife, Porto de Galinhas, Fortaleza e Natal. In questa regione il clima è mite e poco piovoso, ideale per andare al mare senza sentire il caldo intenso di gennaio e febbraio, che coincidono con la torrida estate brasiliana. Allo stesso tempo si possono scoprire luoghi come Brasilia, la capitale del Brasile, San paolo e le cittadine storiche come Paraty, Petropolis e Olinda.

Viaggio in Brasile in inverno: cosa visitare

L’inverno è la stagione migliore per andare in Brasile, infatti in tutto il paese è piena estate e coincide con le ferie dei brasiliani. In questo periodo è possibile visitare tutto il Brasile senza limitazioni, tuttavia bisogna considerare le forti piogge di questa stagione, presenti praticamente ogni giorno per almeno una o due ore, di solito nel primo pomeriggio. Dopo le precipitazioni il tempo torna caldo e sereno, ma si possono riscontrare allagamenti ed è possibile dover correre via dalla spiaggia.

In inverno è meglio non visitare l’Amazzonia, i fiumi sono in piena ed è il periodo preferito dalle zanzare, che prolificano e causano un aumento dei contagi infettivi come dengue, febbre gialla e malaria. Meglio optare per il centro e il sud-est, riversandosi sulle spiagge di Salvador de Bahia, Trancoso, Rio de Janeiro, sul litorale di San Paolo e la costa sud del Brasile.

Perché visitare il Brasile?

Il Brasile è sicuramente un luogo da visitare almeno una volta nella vita, un posto unico al mondo ricco di fascino e di un’atmosfera tutta sua, che riempie di allegria quando si conosce per la prima volta. Ovviamente si tratta di un paese problematico, con forti problemi di disuguaglianza sociale, povertà e ingiustizie, ma lo spirito dei brasiliani rende unico ogni momento di festa e di relax.

Allo stesso tempo bisogna conoscere le mille sfaccettature del Brasile prima di capirlo, scoprire sia i luoghi turistici e le spiagge ma anche la complessa natura del posto, i quartieri poveri della favelas, le grandi metropoli come San Paolo con milioni di abitanti, ottenendo un quadro della situazione che si chiarisce sempre di più ad ogni viaggio.

Cose tipiche in Brasile

Infine segnaliamo alcune cose tipiche, da fare, comprare e assaggiare in Brasile. Innanzitutto negli ultimi anni sono nate molte piccole fabbriche di birra artigianale, facendo si che oggi sia possibile trovare in quasi ogni bar tantissime etichette locali da sperimentare. La birra locale è piuttosto debole, meno optare per le internazionali e quelle più forti come la Original e la Heineken.

Nelle piccole città in stile coloniale sono presenti diversi negozi di artigianato locale, ideali per compare un ricordo da portarsi in Italia. Per quanto riguarda la cucina ogni regione ha i suoi piatti tipici, ad esempio la feijoada in Minas Gerais, a base di carne e fagioli e la moqueca nel nord-est fatta con pesce e salse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *