Chiriatti Tour - Tour Culturali, Enogastronomici con Guida Professionista in Puglia, Salento, Basilicata

INFORMAZIONI SU VIAGGI E VACANZE, CONTATTI UTILI,
RISORSE PER TURISTI, VIAGGIATORI E PASSEGGERI

Home Home Informazioni Destinazioni Viaggio Info Destinazioni Informazioni Utili Prima, Durante e Dopo il Viaggio Info Viaggi Directory Aziende del Settore Turistico Alberghiero e Ristorativo in Italia Aziende Turismo Aggiungi La Tua Azienda Attività alla Directory di Info Point Viaggi.it! Aggiungi Azienda Offerte Viaggi e Vacanze Last Minute in Italia e nel Mondo! Viaggi Last Minute       Seguici su Facebook!Seguici su Twitter!Iscriviti alla Nostra NewsLetter!
 
 
 
 
Legislazione Turistica - Contratto d' Albergo
Di il testo completo del contratto d'albergo, ossia la regolamentazione della prenotazione alberghiera, gli obblighi dell'albergatore ed i suoi diritti/doveri e quelli del cliente.

Il Contratto d'Albergo


E’ l’accordo con cui il titolare di una struttura ricettiva si obbliga a fornire al cliente, verso il corrispettivo del prezzo, il servizio di alloggio in un’unità abitativa arredata, oltre a servizi accessori , alcuni necessari e altri eventuali.
In Italia il contratto d’albergo non è regolato dalla legge, che si limita a disciplinare le responsabilità dell’albergatore in relazione al deposito di cose portate o consegnate in albergo. (artt. da 1783 a 1785 del Codice Civile).
Per il resto valgono le norme generali sulle obbligazioni e sui contratti.
I principi e le regole relative al contratto di albergo si applicano a tutte le strutture ricettive, indipendentemente dalla terminologia usata per i vari tipi di struttura (hotel, villaggio turistico, motel, campeggio, rifugio alpino, affittacamere, bed & breakfast, beauty farm, ecc.).

PRENOTAZIONE E CONCLUSIONE DEL CONTRATTO
La prenotazione è un accordo in base al quale l’albergatore si obbliga a tenere a disposizione del cliente un alloggio e a predisporre le prestazioni collegate.
A seconda che sia oppure no accompagnata dal versamento di una somma, la prenotazione assume contenuti e conseguenze diverse.
a) prenotazione “semplice”
A volte, per prenotare una stanza in albergo, è sufficiente telefonare, concordare servizi e prezzo, e fornire un nome (ed eventualmente un numero di telefono).
Questa forma di prenotazione, tutta verbale, e che non mette neppure l’albergatore in condizione di rintracciarci, genera obblighi solo in capo all’albergatore, il quale rimane obbligato a concludere il contratto definitivo.
Il viaggiatore, viceversa, rimane libero di avvalersi o meno della prenotazione effettuata.
Naturalmente è un dovere di correttezza avvertire in caso di rinuncia o impedimento.
Inoltre, al fine di conservare traccia documentale degli accordi presi è consigliabile confermare con l’invio di un fax il contenuto di tali accordi (data di arrivo e partenza, prezzo, eventuali servizi accessori, ecc.). Ciò anche se l’albergatore non lo richieda espressamente. Il ricevimento di quel fax darà maggiore tranquillità sia all’albergatore (che sarà indotto a dare maggiore credibilità alla prenotazione scritta), sia al viaggiatore (che avrà una “prova” del proprio diritto). In mancanza di documentazione scritta, se quando arriviamo in albergo tutte le camere sono già assegnate ad altri, non c’è rimedio.
b) prenotazione come “conclusione del contratto”
Se, invece, agli accordi verbali, l’albergatore chiede di fare seguire l’invio di una somma, comunque denominata (acconto, caparra, deposito) allora significa che l’impegno deve intendersi a carico di entrambe le parti. In questo caso l’obbligo al risarcimento del danno sorge sia per l’inadempimento dell’albergatore (mancata disponibilità della camera), sia per l’inadempimento del cliente (mancata presentazione in albergo).
In generale, un contratto si perfezione quando chi ha fatto la proposta viene a conoscenza dell’accettazione dell’altra parte (art. 1326 Cod. Civ.). Ora, la gestione alberghiera, per il fatto in sé di essere esercitata, si traduce in una costante offerta di contratto rivolta al pubblico. La prenotazione in questa seconda forma (con obbligo anche a carico del cliente) rappresenta l’accettazione dell’offerta dell’albergatore. Essa determina, quindi, non un semplice accordo preliminare, ma la vera e propria conclusione del contratto d’albergo.

RESPONSABILITÀ PER INADEMPIMENTO DEL CONTRATTO
a) da parte dell’albergatore
Una volta effettuata validamente la prenotazione, l’albergatore è tenuto a conservare la disponibilità dell’alloggio. In mancanza, si verifica, a suo carico, una responsabilità per inadempimento, con conseguente obbligo al risarcimento del danno, secondo le regole sulle obbligazioni in generale.
La forma più comoda di risarcimento, e più utile anche per il cliente, è quella “in forma specifica: l’albergatore inadempiente dovrà adoperarsi per procurare al cliente una sistemazione alternativa, nello stesso luogo e di pari livello. Se ciò risulta impossibile, l’albergatore è obbligato ad un risarcimento pecuniario, da quantificare caso per caso.
b) da parte del cliente
Se la prenotazione è stata accompagnata dal versamento di una somma di denaro, comunque denominata, si deve ritenere che il contratto si sia perfezionato, con obbligazioni anche a carico del cliente. In particolare, l’obbligazione che il cliente ha assunto, è quella di presentarsi in albergo e usufruire dei servizi prenotati. In mancanza, sarà tenuto a risarcire il danno all’albergatore. Tale danno andrà quantificato in riferimento al mancato guadagno corrispondente al prezzo delle camere prenotate e non rassegnate, detratto il prezzo dei servizi accessori non usufruiti.

OBBLIGHI DELL’ALBERGATORE
Il primo obbligo dell’albergatore è quello di contrarre con chiunque ne faccia richiesta, con esclusione di ogni comportamento discriminatorio.
Il rifiuto è legittimo solo nel caso di mancanza di alloggi disponibili e nel caso di mancanza, da parte del cliente, di documenti idonei all’identificazione. L’albergatore, infatti, ha l’obbligo di conservare una scheda riportante le generalità del cliente e di trasmetterne copia all’autorità di pubblica sicurezza (art. 109 T.U. delle leggi di p.s.)
Una volta concluso il contratto, l’albergatore ha l’obbligo di fornire al cliente un’unità abitativa arredata, l’utilizzo degli spazi comuni e tutti i servizi a cui si è obbligato mediante cataloghi, opuscoli o accordi specifici.
Servizi obbligatori sono la pulizia e il riassetto dell’alloggio.
Per quanto riguarda i prezzi, l’albergatore ha l’obbligo di comunicare alla Regione le tariffe minime e massime riferite alla stagione successiva e di esporre tali tariffe all’interno della struttura in modo visibile. Non sussiste più, invece, l’obbligo di esporre i prezzi all’interno di ciascuna camera.

OBBLIGHI DEL CLIENTE
Il cliente ha l’obbligo di pagare il corrispettivo; di rilasciare i locali occupati nel termine stabilito; di utilizzare la struttura con diligenza nel rispetto dei regolamenti interni.
Per quanto riguarda il pagamento, va ricordato che per i crediti verso i clienti, l’albergatore gode di un privilegio sulle cose portate in albergo, sulle quali può esercitare un diritto di ritenzione anche in pregiudizio di eventuali diritti vantati da terzi.
Tele credito, tuttavia, si prescrive con il decorso di sei mesi (art. 2954 c.c.).

DOVERI DI PROTEZIONE
Con tale espressione si indica l’obbligo, per l’albergatore, di garantire la sorveglianza, l’igiene, la sanità e la sicurezza dei luoghi ove si svolge il servizio nel rispetto delle normative vigenti. L’integrità e la sicurezza del cliente devono, tuttavia, essere garantite anche al di là del rispetto formale delle norme. Si ritiene, ad esempio responsabile l’albergatore per i danni subiti dal cliente a causa dell’illuminazione non funzionante e della mancanza di punti di appoggio lungo le scale; o per i danni causati da un pavimento sconnesso; o, ancora, per i danni subiti dal cliente scivolato nel vano doccia privo di box, maniglie e tappetini antisdrucciolo. L’albergatore è esonerato, totalmente o parzialmente, da tale responsabilità se l’evento dannoso è causato dalla condotta negligente del cliente o se tale negligenza vi ha concorso.

RESPONSABILITÀ DELL’ALBERGATORE PER LE COSE PORTATE IN ALBERGO
Nel caso di deterioramento, distruzione o sottrazione di cose depositate in albergo, l’albergatore è responsabile, ed è obbligato al risarcimento del danno. Il cliente deve denunciare il fatto all’albergatore senza ritardo.
La responsabilità dell’albergatore per le cose depositate in albergo è disciplinata dagli artt. 1783 e seguenti del Codice Civile. Il concetto di deposito comprende sia le cose semplicemente “portate in albergo” dal cliente, sia le cose personalmente “consegnate” all’albergatore o a un suo incaricato. Le due ipotesi, però, hanno conseguenze diverse sul piano della responsabilità.
Nel caso di cose “portate” (e non “consegnate”) vi è una responsabilità “oggettiva” (cioè, non sarà necessario provare la colpa dell’albergatore) ma limitata (il risarcimento non può essere superiore a cento volte il prezzo giornaliero dell’alloggio). Il cliente dovrà comunque provare l’esistenza del contratto di albergo, l’evento dannoso, la sua realizzazione nei locali dell’albergo e l’entità del danno.
Limiti temporali: la responsabilità dell’albergatore copre il periodo di durata del contratto di albergo e, in più, un periodo di tempo ragionevole precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dell’alloggio (ad esempio se i bagagli sono stati inviati separatamente il giorno prima dell’arrivo; o se il bagaglio viene lasciato in albergo per qualche ora dopo avere rilasciato l’alloggio).
Limiti spaziali: la responsabilità dell’albergatore vale per le cose che si trovano nei locali dell’albergo o nelle sue pertinenze, nonché fuori dall’albergo per le cose di cui l’albergatore o un suo incaricato assumono la custodia (ad esempio durante il trasporto dal luogo di arrivo all’albergo se il trasporto è organizzato dall’albergatore).
La responsabilità dell’albergatore per le cose “portate”, che di regola è oggettiva e limitata, diventa soggettiva e illimitata se è possibile provarne la colpa (negligenza o imperizia), come nel caso di porte lasciate aperte, chiavi delle stanze lasciate senza sorveglianza, ecc. In questi casi, l’albergatore è tenuto al risarcimento del danno senza limiti di valore.

RESPONSABILITÀ DELL’ALBERGATORE PER LE COSE CONSEGNATE
Per il deterioramento, la distruzione o la sottrazione di cose consegnate, a fini di custodia, direttamente all’albergatore o a un suo incaricato, la responsabilità è illimitata (art. 1784 c.c.). In tal caso non esiste, quindi, alcun limite massimo al risarcimento. Se richiesto dal cliente, l’albergatore ha l’obbligo di prendere in custodia il denaro contante, le carte-valori (assegni, carte di credito, ecc.) e gli oggetti di valore. Egli può soltanto esigere che la cosa consegnata sia contenuta in un involucro chiuso e sigillato. Se rifiuta la custodia di cose che è obbligato a ricevere, ne risponde comunque illimitatamente. L’albergatore, tuttavia, può legittimamente rifiutare di prendere in consegna cose eccessivamente ingombranti o di valore eccessivo in rapporto alle condizioni dell’albergo.
Spetta al cliente l’onere di provare l’avvenuta consegna. E’ pertanto consigliabile richiedere il rilascio di ricevuta che permetta di identificare i beni consegnati in custodia (gli albergatori più attenti e corretti la rilasceranno spontaneamente).
Nel caso di cose collocate in cassette di sicurezza messe a disposizione del cliente con una sua chiave esclusiva, si rientra nell’ipotesi di cose “portate in albergo” (e non “consegnate”): la responsabilità dell’albergatore sarà, perciò, limitata. Se, però, l’albergatore conserva una seconda chiave della cassetta, allora la cosa si considera consegnata in custodia, con responsabilità illimitata.

I VEICOLI
La responsabilità dell’albergatore non si estende ai veicoli depositati nelle pertinenze dell’albergo.
Per fare scattare la responsabilità dell’albergatore occorre che vi sia stato un separato accordo di custodia del mezzo. A tal fine non è sufficiente il semplice parcheggio del veicolo in un area di pertinenza dell’albergo e nemmeno nel garage: occorre che vi sia stata la consegna delle chiavi e/o che il parcheggio sia a pagamento.

ESTENSIONE A STRUTTURE DIVERSE DALL’ALBERGO
L’art. 1786 c.c. estende l’applicazione delle norme sul deposito in albergo a tutte le strutture in qualche modo assimilabili, come ad esempio: case di cura, stabilimenti balneari, luoghi di pubblico spettacolo, pensioni, trattorie, carrozze letto e simili.

 
 
 
 
   
 

 
     
   
     
 
 


I
nfoPointViaggi.it © 2008 - 2012
- di Filippo Pagliara CF: PGLFPP76S15D305E - Via C. Battisti, 93 73024 Maglie (LE) - Tutti i Diritti Riservati
Dato l'alto numero di dati contenuti in questo portale e l'impossibilità a tenerli sempree aggiornati, InfoPointViaggi.it non si ritiene responsabile di dati inesatti o non aggiornati

InfoPointViaggi.it non garantisce la veridicità e non è responsabile in alcun modo del contenuto dei siti recensiti

Offerte Viaggi Last Minute - Lavoro Viaggi e Turismo -
Guida al Portale - Links - Banners - Condizioni d'Uso - Webmaster - Contatti - Privacy